Acquista gli esercizi di italiano sul nostro store a soli 20 €. Li riceverai in formato pdf per esercitarti progressivamente nello studio della lingua italiana nei vari livelli: elementare, intermedio ed avanzato!

ITENFRDEESRUJA

  • 1- Osserva le seguenti immagini: cosa rappresentano e a cosa ti fanno pensare?

  • 2- Guarda il trailer del film Caterina va in città: secondo te di cosa parla il film?

    a) Di una ragazza che va in vacanza con la propria famiglia
    b) Di una madre che parte per l’America e lascia la propria famiglia
    c) Di una ragazza che si trasferisce in una grande città con la propria famiglia
  • 3. Ora leggi la trama del film e verifica la tua ipotesi.

    Learn Italian Passato prossimo and imperfetto

    La famiglia Iacovoni si trasferisce a Roma dalla provincia. Giancarlo, il padre. è un insegnante di ragioneria che vuole cambiare vita, che non ha un buon rapporto con la moglie provinciale Agata e spinge la figlia Caterina a fare amicizia con le compagne di scuola più ricche e viziate. E infatti a scuola la ragazzina, molto ingenua e un po’ confusa, conosce Margherita e Daniela, la prima proveniente da una famiglia di intellettuali, la seconda figlia di un importante uomo politico…

    (da www.trovacinema.repubblica.it)

  • 4. Guarda l’inizio del film e quindi decidi se le seguenti affermazioni sono vere o false:

    Vero Falso
    a. La famiglia Iacovoni arriva a Roma lunedì 10 novembre.
    b. Caterina e la sua famiglia sono partiti da Monza.
    c. Per arrivare a Roma hanno percorso 97 chilometri e 713 metri.
    d. Le cose di Roma che più hanno colpito Caterina sono quattro.
  • 5. Guarda un’altra volta la scena in cui la famiglia Iacovoni arriva a Roma e prova a completare il testo con le parole mancanti:

    Venerdì  9 settembre 2002

    Oggi ci siamo ________________ nella casa dei nonni di Roma che ___________.

    Ho ______________  che dal cartello “Arrivederci” a Montalto a quello di “Benvenuti” a Roma sono _______________ 97 chilometri e 712 metri, che abbiamo ________________  in un’ora e 45 minuti, compresa una sosta pipì alla ______________________ di Arrone Ovest.

    Le cose di Roma che più mi hanno                           per ora sono tre: una signora che faceva le parole crociate in mezzo al traffico, una suora che___________ e un tipo buffo che dirigeva il traffico come fosse una grande _______________ sinfonica.

  • 6. Osserva le forme verbali utilizzate da Caterina: quali sono i verbi al passato prossimo? Per ogni verbo che hai sottolineato, trova l’infinito. Dopo aver trovato le forme dell'infinito, osserva i verbi ausiliari utilizzati per la formazione del passato prossimo e completa la tabella seguente.

    Se non ricordi la formazione del passato prossimo, clicca qui o qui.

    AVERE ESSERE
     .  
     .  
     .
  • 6.1 Che tipo di verbi sono? Inserisci ciascun verbo della tabella nell’insieme più appropriato:

    Gruppo 1

    Salutare

    Invitare

    Sognare

    …………

    …………

    …………

    Gruppo 2

    Andare

    Tornare

    Arrivare

    …………

    ………..

    ………..

    Gruppo 3

    Lavarsi

    Truccarsi

    Abbronzarsi

    …………….

    …………….

    ……………..

    Gruppo 4

    Camminare

    Viaggiare

    Agire

    …………….

    …………….

    …………….

  • 6.2 Scegli un verbo per ciascun insieme e scrivi quattro frasi utilizzando il passato prossimo.

    a. ………………………………………………………………………………………………………

    b. ………………………………………………………………………………………………………

    c. ………………………………………………………………………………………………………

    d. ………………………………………………………………………………………………………

  • 7. Prima rileggi il testo tratto da Caterina va in città e sottolinea i verbi all’imperfetto. Poi, rispondi alla seguente domanda: perché Caterina utilizza passato prossimo e imperfetto?

    Oggi ci siamo trasferiti nella casa dei nonni di Roma che sono morti. Ho calcolato che dal cartello “Arrivederci a Montalto” a quello di “Benvenuti a Roma” sono esattamente 97 chilometri e 712 metri, che abbiamo percorso in un’ora e 45 minuti, compresa una sosta pipì alla stazione di servizio di Arrone Ovest. Le cose di Roma che più mi hanno colpito per ora sono tre: una signora che faceva le parole crociate in mezzo al traffico, una suora che fumava e un tipo buffo che dirigeva il traffico come fosse una grande orchestra sinfonica.

  • 8. Osserva le frasi seguenti e rifletti sull’uso di passato prossimo e imperfetto:

    a. Quando ero piccolo, correvo e saltavo tutto il giorno.

    b. Mentre mangiavo, guardavo la televisione.

    c. Stamattina non sono andato a scuola.

    d. Sono nato a Palermo il 5 novembre 1981.

    Ora scegli l’alternativa corretta tra passato prossimo e imperfetto:

    Imperfetto Passato prossimo
    a. Indica un’azione passata che ha avuto una certa durata e continuità.
    b. Indica un’azione avvenuta in un passato vicino.
    c. Indica un’azione avvenuta in un passato lontano, ma i cui effetti durano  ancora nel presente.
    d. Indica un’azione passata avvenuto contemporaneamente a un’altra e con la stessa durata.
  • 9. Ora proviamo a esercitarci! Completa le frasi seguenti con i verbi al passato prossimo e imperfetto:

    Esempio: Dato che mi (piacere) piaceva la musica, due anni fa mia madre mi (iscrivere) ha iscritto a un corso di chitarra.

    1. Sara (cominciare) …………. a studiare il francese quando (essere) ………… piccola.

    2. Ieri (fare) …………… caldo, allora noi (andare) …………….. al mare.

    3. Quando Carla e Alice (avere) …………. 10 anni, (abitare) …………… a Milano. Poi la loro famiglia (trasferirsi) ……………………. a Napoli.

    4. Ieri, mentre io (aspettare) ……………… l’autobus, io (incontrare) ………………… una vecchia compagna di scuola.

    5. Stamattina (piovere) ……………, ma Laura (uscire) ……………….. senza ombrello.

  • 10. Adesso immagina di essere Caterina e di dover descrivere tre cose che ti hanno colpito o che ti sono capitate appena arrivato/a a Roma. Segui la traccia fornita e cerca di usare passato prossimo e imperfetto:

    Che cosa ti ha colpito quando sei arrivato/a a Roma?

    oppure

    Che cosa ti è successo quando sei arrivato/a a Roma?

    Sono arrivato/a a Roma ieri e…
  • 11. Ti è mai capitato di dover cambiare improvvisamente città? Quali sono state le tue prime impressioni?

  • 12. Leggi la storia di Carmine e poi prova a completare il testo aiutandoti con le immagini. Ricordati sempre di usare passato prossimo e imperfetto in maniera appropriata!

    Mi chiamo Carmine, sono di Palermo ma vivo a Milano. Sono venuto qui per lavoro: sono stato assunto da una grande banca e il mio salario è buono.

    Italian language online exercises: passato prossimo e imperfetto

    Qui non c’è il mare: la città è fredda e poco ospitale. Ci sono persone provenienti da tutta Italia perché questo posto è pieno di uffici e di grandi negozi.

    Learn Italian passato prossimo e imperfetto online

    Negli ultimi mesi la mia vita è molto cambiata. Qui a Milano mi sveglio tutte le mattine molto presto: alle 5 nei giorni lavorativi perché devo arrivare in ufficio alle 8; alle 8 il sabato e la domenica perché vado a correre al parco con i miei colleghi.

    Learn Italian Passato prossimo e imperfetto: Milano vs. Palermo

    La vita in questa città è frenetica: gli uffici aprono presto e sono molto efficienti; per noi impiegati la pausa pranzo dura pochissimo. Il mio capo è molto esigente e da me pretende sempre serietà e puntualità.

    Study Italian grammar: passato prossimo e imperfetto

    Qui a Milano vivo in un monolocale in periferia, perché gli affitti costano molto e non ho i soldi per una casa più grande. La mia casa è piccola ma confortevole, e l’ho decorata con qualche quadro e qualche pianta. Non è una villa, ma mi piace!

    Learn Italian language online: passato prossimo e imperfetto

    La città di sera è molto vivace, perché ci sono molti locali per andare a bere un aperitivo e molti ristoranti alla moda; ogni settimana c’è un concerto interessante e ci sono molte vie piene di negozi aperti fino a tardi.

    Nightlife in Milan: learn Italian passato prossimo e imperfetto

    Purtroppo però qui non mi diverto molto: non ho molti amici, perché tutte le persone che conosco sono rimaste in Sicilia. Qualche volta esco con i miei colleghi per bere una birra o andare a correre, ma mi manca molto la mia famiglia.

    A Palermo era tutto diverso…

    Life in Palermo: learn Italian language, passato prossimo e imperfetto

Start typing and press Enter to search

× WhatsApp us!
ayeye brazorf imperativo formale controllore italiano l2